News

POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO IL LABORATORIO LOMBARDO, PIÙ BENEFICI AI LAVORATORI, MENO COSTI PER L’IMPRESA

Si è svolto il 15 maggio, a palazzo Pirelli, quello meglio noto come Pirellone, uno degli spazi più suggestivi di Milano, un importante convegno di approfondimento sulle politiche attive del lavoro Lombardia.

Quali opportunità per le imprese, quali vantaggi per i lavoratori lombardi?

Promosso da FederTerziario in collaborazione con Regione Lombardia, l’evento è stato moderato dal Dott. Giovanni Giannini, Coordinatore regionale FederTerziario e ha visto partecipare la Dott.ssa Melania Rizzoli – Assessore alla Istruzione, Formazione e Lavoro, la Dott.ssa Claudia Carzeri – Componente della Commissione permanente “Attività produttive, istruzione, formazione e occupazione” e il Dott. Mauro Piazza – Presidente Commissione speciale “Autonomia e riordino della autonomie locali” del Consiglio regionale lombardo.

Durante il convegno è stata messa in luce la virtuosità del “sistema lavoro” in Lombardia, una vera eccellenza italiana per le capacità organizzative e l’efficienza dimostrate. I risultati sono tali che il modello lombardo delle politiche attive è stato imitato da diversi Paesi in Europa.

Una delle azioni più interessanti è costituita dalle Doti Lavoro che sono un sostegno all’inserimento o reinserimento lavorativo e alla qualificazione o riqualificazione professionale ma costituiscono una opportunità anche per le imprese. Le Doti lavoro rispondono alle esigenze delle persone nelle diverse fasi della loro vita professionale con l’obiettivo di accompagnarle, in un percorso volto al miglioramento delle proprie competenze e dunque all’occupazione.

Ed è qui che entra in gioco Federterziario Lombardia che nella sua funzione di corpo intermedio può favorire l’incontro della domanda e dell’offerta di lavoro tra le PMI, aiutandole nel cogliere tutte le opportunità offerte dalla Regione Lombardia non solo in questo ambito.

Tra gli strumenti attualmente utilizzabili dalle aziende, che la regione mette a disposizione, per esempio l’accesso agevolato al credito e percorsi “guidati” ai finanziamenti europei.

Un appuntamento importante dunque quello con la Regione Lombardia che “consentirà anche di farci portavoce, presso le istituzioni, delle istanze e delle esigenze del mondo delle piccole e medie imprese che ormai rappresentiamo da 25 anni” ha dichiarato il Presidente di Federterziario Nicola Patrizi.

 

 

Print Friendly, PDF & Email